Acta l'associazione dei freelance

Le modifiche alla riforma del lavoro non salvano le partite iva oltre i 18.000 €

| 29 maggio 2012 | LETTO: 3.578 VOLTE | 3 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Un interessante articolo sul notiziario ADAPT, Marco Carrescia del Politecnico di Torino, illustra con argomenti convincenti ed assai preoccupanti per noi, i limiti dell'articolo 9 del DL Lavoro, quello che tratta della conversione in CoCoCo delle "false" partite IVA.

In effetti, pur essendo stato abbassato a 18mila euro, tale vincolo è di per sè rischioso per il professionista, perché produce una sorta di azzardo morale per cui qualsiasi committente pur di non rischiare un contenzioso,  eviterà di dare incarichi al professionista privo di Albo.

Nel dibattito che prosegue al Senato e poi alla Camera occorre moltiplicare ogni nostra possibilità di pressione politica affinché questi famigerati articoli 9 e 36 siano CANCELLATI.

ATTENZIONE:

MERCOLEDI 30 MAGGIO IL GOVERNO PONE LA FIDUCIA SU QUATTRO SUPER EMENDAMENTI.

STIAMO COLLEGATI,  FACCIAMOCI SENTIRE E PRENDIAMO NOTA DI CHI VOTA CONTRO IL NOSTRO FUTURO.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

3 COMMENTI »