Acta l'associazione dei freelance

Le solite interpretazioni per i dati sui redditi

| 14 novembre 2010 | LETTO: 1.534 VOLTE | 2 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Ministero delle finanze In base ai dati diffusi in questi giorni, il reddito medio dichiarato per il 2008 dai lavoratori autonomi è di 38.690 euro, mentre quello dei dipendenti è di 19.640 euro e il reddito medio dichiarato dalle imprese di 18.140.

Come sempre, il dato maggiormente enfatizzato da media (si veda per esempio il Corriere della Sera con un articolo di Enrico Marro "Zero Iperf per un italiano su quattro"), politici e sindacalisti è quello sulle dichiarazioni superiori ai 150.000 euro, attribuite per l'85% a dipendenti (soprattutto) e pensionati, un fatto questo che rende ancora più sorprendente i valori sul reddito medio dei lavoratori alle dipendenze, indicato prima. Un'altra evidenza degna di nota: a dichiarare un reddito superiore ai 35.000 euro (proprio il reddito medio degli autonomi) c'è il 13% dei contribuenti. I soliti noti diranno che i lavoratori autonomi guadagnano troppo relativamente alle altre categorie (il doppio dei dipendenti) e troppo poco in assoluto ("Ma come, un affermato professionista che guadagna meno di 40.000 euro...? Sicuramente sono tutti evasori..."). In sostanza, è urgente aumentare le imposte agli autonomi - che, per definizione, sono tutti affermati professionisti, nuotano nell'oro ed evadono - per abbassarle ai dipendenti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

2 COMMENTI »