Argomenti

Articoli recenti

Sostieni ACTA

Fai valere i tuoi diritti di freelance! Sostieni Acta e assicurati un futuro lavorativo migliore grazie a vantaggi, convenzioni e maggiori tutele.

Decreto Cura Italia: suggerimenti utili per richiedere le indennità

19 Marzo 2020 Acta informa, Diritti, News

Vi segnaliamo che per ottenere le indennità previste dal Decreto “Cura Italia” (sostegno da 600 euro, ma anche l’indennità per i genitori o il voucher baby sitter) bisognerà fare domanda all’Inps. Non essendo ancora sicure le tempistiche della procedura vi diamo qualche suggerimento.

Molto probabilmente la presentazione della domanda dovrà essere fatta online tramite il sito dell’Inps e dunque sarà necessario avere le credenziali di accesso ai servizi online. Se non siete in possesso delle credenziali vi suggeriamo di dotarvene subito.

Attualmente i sistemi di accesso ai servizi online dell’Inps sono:

  • il PIN,
  • l’identità digitale (SPID),
  • la Carta di identità elettronica 3.0,
  • la Carta nazionale dei servizi.

Come si richiede il PIN

È possibile richiederlo on-line con una procedura molto semplice: ci si collega sul sito del’Inps, si  clicca su “entra in myinps” e poi su “richiedi e gestisci il tuo PIN”; tenete presente che la procedura prevede che la prima parte del PIN sia trasmessa subito al richiedente tramite sms o mail, mentre la seconda parte viene spedita per posta, con tempi che è facile prevedere lunghi. Per questo motivo vi consigliamo di richiedere subito il PIN per i servizi Inps, qualora non lo abbiate.

Come si richiede l’identità digitale (SPID)

Sul sito dell’Agenzia per l’Italia digitale si trovano tutte le modalità per richiederlo. Vi consigliamo di effettuare la procedura per ottenere le credenziali SPID con un livello di sicurezza non inferiore a 2. L’iscrizione può essere fatta anche da remoto se siete in possesso di una firma digitale.

La procedura di richiesta di sostegno così come le procedure di richiesta del PIN o dell’identità digitale dovranno essere gestite da ogni singolo lavoratore autonomo.

Vi suggeriamo infine di monitorare il sito dell’INPS per venire tempestivamente a conoscenza delle modalità e dei termini di presentazione della domanda. Vi informeremo appena sapremo dell’apertura della procedura.

ACTA

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Tania

    Tutti gli iscritti alla gestione separata possiedono un PIN all’ accesso online ai servizi. Esso deve essere tramutato in PIN DISPOSITIVO per completare la domanda di indennizzo ed è tutto fattibile ONLINE senza aspettare la lettera per posta, come c’ è scritto nell’articolo. Almeno, in un momento delicato come questo, siate precisi.

    24 Mar 2020
    • Samanta Boni

      Grazie Tania della specificazione. In una prima fase anche sul sito dell’INPS veniva riportato l’invio per posta della seconda parte del PIN. Siamo ben consapevoli della delicatezza del momento.

      1 Apr 2020
  2. LBuoncristiani

    Temo che in caso di uso del PIN, sia necessario che sia anche stato effettuata la conversione a “PIN dispositivo” che si può fare anche on-line una volta il possesso del PIN normale.

    26 Mar 2020

Lascia un commento

Decreto Cura Italia: suggerimenti utili per richiedere le indennità

di ACTA tempo di lettura: 1 min
4