Argomenti

Articoli recenti

Sostieni ACTA

Fai valere i tuoi diritti di freelance! Sostieni Acta e assicurati un futuro lavorativo migliore grazie a vantaggi, convenzioni e maggiori tutele.

Gli ANF esistono, anche per i freelance

13 marzo 2019 Diritti, Vita da freelance

Pubblichiamo in forma anonima la recente testimonianza di una nostra socia che ha avuto difficoltà nell’accedere agli assegni al nucleo familiare (ANF, non UFO ;-)) e ne approfittiamo per ricordare che spettano anche ai lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS, compresi i liberi professionisti, non solo ai lavoratori dipendenti. Per maggiori informazioni sui requisiti e sulla procedura di accesso, consulta la nostra sezione dedicata.

 

Scrivo brevemente la mia esperienza, sperando che possa essere di aiuto per chi ha dubbi o ha ricevuto informazioni sbagliate in merito agli Assegni al Nucleo Famigliare per liberi professionisti. Dopo che mi è stata rifiutata la domanda inoltrata personalmente all’INPS attraverso il portale online per qualche cavillo non specificato (nella comunicazione di rifiuto si indicava “periodo non retribuibile”), mio marito (lavoratore dipendente) ha provato a chiedere l’assegno in busta paga ma il consulente del lavoro gli ha detto che non potevamo beneficiarne perché spetta solo nel caso in cui “almeno il 70% del reddito complessivo del nucleo provenga da lavoro dipendente”. Dopo aver consultato altri due consulenti del lavoro, i quali sostenevano la stessa cosa, e un CAF, che non sapeva nulla dell’argomento, mi ero rassegnata. Finché, parlando casualmente con Samanta Boni di Acta, ho appreso che in realtà la regola del 70% non si riferisce al lavoro dipendente, bensì al reddito “da lavoro”, ossia per averne diritto occorre che il reddito complessivo del nucleo sia almeno al 70% “da lavoro” (indipendente o dipendente che sia). A quel punto sono ripartita alla carica e ho ripresentato la domanda all’INPS, vedendomi finalmente erogati gli assegni. Morale della favola: sperando di aver incontrato gli unici tre consulenti del lavoro che avevano interpretato male la legge, se per caso avessero riferito la stessa interpretazione anche a voi NON DATEGLI RETTA e andate fino in fondo perché ne abbiamo diritto eccome!

ACTA

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Gli ANF esistono, anche per i freelance

di ACTA tempo di lettura: 1 min
0