Acta l'associazione dei freelance

Nessuno si aspetti una vera pensione!

| 27 febbraio 2014 | LETTO: 6.574 VOLTE | 30 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

E’ uscito nei giorni scorsi, molto in sordina, con il messaggio dell’INPS n.2626/2014 il tasso di rivalutazione per il montante pensionistico alla data del 31/12/2012, tasso fissato allo 0,1643%, praticamente una miseria, una nullità, come avevamo già previsto ampiamente! Come tutti gli addetti ai lavori conoscono perfettamente, il montante pensionistico (l’importo sul quale alla fine si calcolerà la pensione) è dato dai contributi versati durante gli anni di attività lavorativa maggiorati della rivalutazione, calcolata annualmente sulla media del PIL degli ultimi 5 anni. Oggi pertanto l’INPS, con l’ufficializzazione del tasso di rivalutazione, provvederà ad aggiornare i montanti rivalutandoli , parliamo, ribadiamolo bene, delle somme accantonate alla data del 31/12/2012 o di quelli versati per l’anno 2012 (se trattasi del primo anno di lavoro in qualsiasi gestione Inps).

Facciamo un semplice e significativo esempio:
nell’anno 2012 un lavoratore dipendente con uno stipendio lordo di circa 22.000 euro ha versato tramite l’azienda contributi pari a 7.260 euro, cioè il 33% del suo stipendio: l’INPS dunque ha incassato durante l’intero anno 2012, mese per mese, il 33%, tramite gli F24 e solo oggi, a distanza di quasi 2 anni (se pensiamo che i primi soldi sono confluiti nelle tasche dell’Inps il 16 Febbraio 2012 !!!), si degna di considerare queste somme e rivalutarle. Il calcolo dell’INPS è facile e spietato: euro 7260 x 0,1643% = 11,92 euro - Montante al 31/12/2013 pari ad euro 7260+11,92 = 7271,93!!!! Tanto facile quanto incredibilmente assurdo! L’INPS, lo Stato, considerano i nostri soldi, quelli validi per la nostra futura pensione, praticamente nulla, non ci sono interessi (non abbiamo la forza di considerarli interessi questi), non c’è nulla!! Siamo lontani anni luce da qualsiasi parametrizzazione con gli interessi di borsa e di mercato ma persino lontanissimi dai modestissimi depositi postali, per non parlare dei Bot, siamo meno dell’inflazione, siamo meno di qualsiasi tasso esca fuori dai calcoli dell’ISTAT, nemmeno gli interessi legali fissati all’1% annuale: siamo al vero e proprio furto, non riesco a trovare altra parola!!!! In sostanza dunque i soldi dati allo Stato, ufficialmente per la creazione del primo Pilastro Previdenziale (obbligatorio) quello destinato a garantire la “giusta pensione” , saranno rivalutati praticamente… zero. Ricordiamolo bene: il PIL non è l’Istat, il PIL infatti non considera minimamente il potere di acquisto, è un parametro che valuta essenzialmente la capacità economica di un Paese, niente altro. I nostri legislatori, sia quelli che hanno ideato il sistema contributivo dal 95 che quelli successivi, si sono ben guardati di rifletterci sopra!
Se ritorniamo per un attimo all’esempio suindicato e supponiamo che il lavoratore sia un giovane al suo primo anno di lavoro si capisce bene quello che sarà il suo magro bottino pensionistico futuro : anni e anni di versamenti imponenti (il 33% è una cifra elevatissima che non lascia margine ad altri accantonamenti!) per non avere alcuna considerazione economica da parte dello Stato! Questo sistema contributivo vale per qualsiasi gestione Inps, dai dipendenti ai commercianti/artigiani agli sfigati della Gestione Separata (le partite iva si pagano l’intero contributo da soli senza alcun intervento di committenti o aziende!), insomma l’iniquità, per una volta, è per tutti!
Pensiamo semplicemente per un attimo a cosa poteva farci con una parte di quei soldi il giovane in questione, quante cose… reali! Intanto sicuramente poteva vivere meglio e non è poco, spendere e/o risparmiare e/o realmente pensare al proprio futuro e se appena soltanto la metà di quei soldi fossero finiti nelle sue tasche, e parliamo di circa 3.630 euro (circa 300 euro al mese!), gli si sarebbero aperte svariate possibilità di investimenti pensionistici (per restare nell’ambito), con rendimenti infinitamente superiori a quelli inesistenti corrisposti oggi dall’INPS, per non pensare della movimentazione economica generale (investimenti, consumi ecc.). Fare investimenti peggiori di quelli dell’INPS è praticamente impossibile, non credete? Se i soldi finissero sotto la classica mattonella (alla Totò) forse frutterebbero di più!
Questi dati reali purtroppo devono scuoterci e devono far riflettere. Non sono più ipotesi o calcoli astrusi, non sono più soltanto parole (basta leggere un semplice estratto conto dell’INPS) e ormai confermano sempre più che la proposta di una totale e globale “riforma pensionistica” è assolutamente pertinente e valida, ma soprattutto ogni giorno di più diventa più urgente! C’è un dovere morale prima che politico di affrontare la questione, soprattutto per le future generazioni che non hanno colpe del disastro attuale! Affamare oggi i cittadini, soprattutto i giovani, (le aliquote contributive in Italia sono altissime, pari al 33% del reddito) e affamarle anche domani (pensioni ridotte all’osso sotto la soglia degli assegni sociali!) è palesemente non solo un abuso ma è forse … criminale!
Qualcuno nel mondo politico ha davvero il coraggio di dire chiaramente e pubblicamente ai giovani dipendenti di oggi o ai cocopro o alle partite Iva o ai lavoratori atipici e a quelli occasionali ecc. che il loro futuro sarà così misero? Che il loro compito oggi è solo e soltanto quello di garantire le pensioni d’oro e quelle attuali? Che i loro soldi non valgono in mano all’INPS nemmeno una pizza e una coca-cola a distanza di 2 anni?

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

30 COMMENTI »