Acta l'associazione dei freelance

La conoscenza come motore di sviluppo. Una proposta progettuale per Acta e per tutti

| 11 novembre 2013 | LETTO: 887 VOLTE | 6 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Pubblichiamo una proposta del nostro socio Simone De Battisti.

Cari professionisti della conoscenza associati e non di Acta. Ciascuno di noi opera in un settore, mercato con una specifica professionalità e condividiamo difficoltà di uno stato giuridico piuttosto problematico, ma soprattutto, come tutto il paese ed il "vecchio mondo occidentale", di un clima emozionale e reale (e come se reale) di blocco, regressione, difficoltà.
Ecco sono a proporvi una proposta per fare un salto di qualità, per noi e per il paese. Infatti sono convinto che gran parte del problema dipenda dalle risorse cognitive con cui lo definiamo e lo affrontiamo e ne progettiamo le soluzioni. Si tratta di una interpretazione diversa delle cause dei problemi. Significa assumersi un ruolo sociale non rivendicativo ma costruttivo, che mette al centro proprio le risorse cognitive (la conoscenza) come metodologia per generare sviluppi (alcuni poetici dicono "Rinascimenti", con motivi storici specifici).
Ecco possiamo rimanere, ciascuno nel proprio piccolo mondo a competere, oppure aiutare la società ed il sistema economico più in generale a fare uno scarto di qualità.
Se vediamo il mondo sotto una nuova luce, è più facile generare nuovi prodotti, nuove soluzione e quindi economia, società, cultura. Così è sempre avvenuto nelle fasi storiche di passaggio. Vedere e costruire quello che verrà dopo ha aperto le opportunità.
Sono a proporvi di partecipare ad un progetto di alto livello ed anche diffuso e continuativo per far fare un balzo cognitivo e culturale alla classe dirigente in senso alto e poi a tutti quelli che vorranno, per progettare un nuovo paese. Non è una proposta politica, bensì culturale, inclusiva.
Nel concreto cosa? Fare in modo che le conoscenze più recenti generate dalle scienze fisiche ed umane siano messe a disposizione in maniera non specialistica. Per progettare nuove forme istituzionali, nuove modalità organizzative, nuovi prodotti e cambiamenti sistemici (gestione delle città, dei trasporti, media, …). Un percorso di ricerca e sviluppo che si anima in un grande evento per profondità dei contenuti, anticipato, sul web ed in gruppi territoriali e comunità epistemiche. A questi gruppi la missione di tenere viva la ricerca e diffusione anche successivamente. Con nuove parole si possono progettare nuove soluzioni. E’ già successo tante volte nella storia. Una coincidenza ci aiuta. L’Expo prossimo venturo di Milano.

Chiederemo ai più importanti ricercatori e pensatori di fare uno sforzo. Tradurre in linguaggio comprensibile le loro più grandi scoperte declinandole fuori dai loro specialisti in significati per le imprese, i sistemi umani ed organizzativi, le istituzioni etc. abbiamo già iniziato a farlo. Dobbiamo farlo di più e meglio: il manifesto, il progetto, ed il libricino per una lettura storica della evoluzione sociale e del ruolo della conoscenza. Inizierà a sembrarvi più fattibile.

Non c'è nulla di più concreto di quello che le persone pensano, e così le organizzazioni, le aziende, le istituzioni.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

6 COMMENTI »