Acta l'associazione dei freelance

La morte lenta e silenziosa dei freelance

| 17 aprile 2013 | LETTO: 2.692 VOLTE | 2 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Le statistiche registrano un boom di fallimenti, che si accompagna al boom di disoccupati, i sindacati richiamano l’attenzione sull’emergenza cassa integrazione, in aggiunta all’emergenza esodati.
E i freelance? C’è un grande affanno per cercare clienti (ma acquisire nuove commesse è sempre più difficile e complicato!) o per cambiare target o anche per reinventarsi completamente un lavoro, ma tutto ciò non emerge dalle statistiche.
La disoccupazione di un freelance non fa rumore, non è accompagnata da un evento traumatico come il licenziamento o il fallimento, avviene alla fine di un processo di riduzione dei clienti e delle commesse, spesso associato ad uno stillicidio di contrazioni di budget e di rinvii. In qualche caso la partita iva viene tenuta in vita artificialmente, attaccata all’illusione di qualche promessa di incarico che consenta il risveglio dal coma, quando infine si arriva alla chiusura, essa assume la forma di una morte voluta, di un’eutanasia. Perché finalmente si è liberati dall’incubo di scadenze non più onorabili (come faccio a pagare l’anticipo sui contributi, se non riesco a fatturare?) . Ma il presente è tutto da inventare, senza CIGO, CIGS, GIG in deroga, ASPI…e anche chi è in età di quasi pensione non può essere contabilizzato come esodato…

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

2 COMMENTI »