Argomenti

Articoli recenti

Sostieni ACTA

Fai valere i tuoi diritti di freelance! Sostieni Acta e assicurati un futuro lavorativo migliore grazie a vantaggi, convenzioni e maggiori tutele.

Approvata alla Camera legge sull'equo compenso dei giornalisti freelance

Dopo 2 anni di discussioni la Camera ha approvato una norma sull’equo compenso dei giornalisti freelance. Una misura che riguarda solo i giornalisti iscritti all’albo (e tutti gli altri freelance che lavorano per i media?),  ma che è comunque importante perché è la prima applicazione dell’istituto dell’equo compenso, di cui si parla anche con riferimento ad altre professioni.

La legge è finalizzata a promuovere l’equità retributiva dei giornalisti iscritti all’albo, in attuazione dell’articolo 36 della Costituzione.

L’equo compenso sarà rapportato ai trattamenti previsti per i giornalisti dipendenti

per equo compenso si intende la corresponsione di una remunerazione proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, tenendo conto della natura, del contenuto e delle caratteristiche della prestazione nonché della coerenza con i trattamenti previsti dalla contrattazione collettiva nazionale di categoria in favore dei giornalisti titolari di un rapporto di lavoro subordinato. [art.1 comma 2]

Una Commissione sarà incaricata di definire i requisiti dell’equo compenso e  di redigere e aggiornare l’elenco dei media (giornali e  periodici, anche telematici, agenzie di stampa e emittenti radiotelevisive) che  garantiscono l’equo compenso, con l’avvertenza che ogni patto in deroga all’equo compenso è nullo.

La mancata iscrizione su tale elenco per un periodo superiore a 6 mesi comporterà la decadenza da ogni beneficio pubblico, compreso il contributo pubblico all’editoria.

ACTA

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Dario

    Ma come si usufruisce di questa legge? Mica l’ho capito tanto bene. Per me, che lavoro come giornalista free-lance (anche se ancora non sono nè professionista nè oubblicista, che vantaggi ne ho?

    5 Dic 2012
  2. Anna Soru

    E’ presto per capire come sarà applicata. Sarà interessante conoscere i risultati del lavoro della commissione. Quali parametri utilizzeranno per definire l’equo compenso: il tempo? in tal caso come sarà calcolato? oppure la prestazione? sarebbe un ritorno (a mio parere opportuno)delle tariffe minime. In ogni caso costituirà un precedente che potrà essere utile anche per altre professioni

    13 Dic 2012

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi