Argomenti

Articoli recenti

Sostieni ACTA

Fai valere i tuoi diritti di freelance! Sostieni Acta e assicurati un futuro lavorativo migliore grazie a vantaggi, convenzioni e maggiori tutele.

Contiamoci per contare di più. Aderisci all'indagine ACTA sulla condizione del lavoro autonomo di seconda generazione.

31 ottobre 2012 News, Vita da freelance

Se sei un professionista autonomo, con o senza iscrizione ad un ordine professionale, e lavori con una modalità non dipendente, qualunque essa sia (partita iva, collaborazione a progetto, collaborazioni occasionali, cessione di diritti d’autore, impresa o studio associato), dai il tuo contributo e compila subito il questionario ACTA.

Siamo tanti ma non siamo mai al centro dell’agenda politica. La nostra crisi e i nostri problemi non fanno notizia, anche se dobbiamo affrontarli senza il supporto di alcun ammortizzatore sociale. Conoscere la nostra situazione è un primo passo per uscire dall’ombra.

La crisi, le manovre finanziarie, la spending review , le modifiche normative incidono sul nostro lavoro e sulla nostra vita. Le fonti statistiche monitorano l’andamento della produzione industriale, dell’occupazione, delle retribuzioni, dei bilanci delle imprese…ma poco o nulla si sa di quanto sta accadendo a chi ha un’attività professionale autonoma, se tutti i settori sono ugualmente colpiti o se qualcuno va controcorrente, se le prospettive sono ancora di peggioramento o se ci sono segnali di ripresa.

Come sta cambiando la nostra situazione lavorativa? Come si evolve il mercato per i nostri servizi, come si riorganizzano i nostri clienti? La riforma del lavoro ci costringe a rivedere la nostra organizzazione? Contribuisci con le tue risposte all’indagine ACTA.

Investi 15 minuti adesso. Se vuoi che domani qualcuno parli di te.

Compila e invita a compilare il QUESTIONARIO ACTA.

ACTA

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. ALOAP

    iL “pOPOLO DELLE PARTITE IVA NON HA VOCE IN CAPITOLO, NEL NOSTRO PAESE E TANTO MENO NELLA UE, A CONTRASTARE LEGGI VESSATORIE E DI LIBERALIZZAZIONE SELVAGGIA. I PROFESSIONISTI CHE NON CHIEDONO NIENTE A NESSUNO, PAGANO REGOLARMENTE LE TASSE E NEL CASO NON POSSONO VANTARE NESSUN DIRITTO NOI NON ABBIAMO CASSA INTEGRAZIONE NON ESISTONO ORARI DI LAVORO E NE’ SICUREZZA DI UN FUTURO VORREI COMNOSCERE QUALI ALTRE CATEGORIE DI LAVORATORI SAREBBERO DISPOSTE A LAVORARE A QUESTE CONDIZIONI !
    .BELLE PROSPETTIVE DI LAVORO PEGGIO CHE NEL MEDIOEVO!!!!!

    31 Ott 2012
  2. Alfredo Accatino

    Ciao, su questi temi ho pubblicato oggi il secondo articolo su Huffingotn post, andate a vederlo, e fatrmi sapere

    http://www.huffingtonpost.it/alfredo-accatino/creativi-meglio-ucciderli_b_2048816.html

    31 Ott 2012
  3. Anna Soru

    Da oltre 8 anni stiamo lavorando per dare rappresentanza a questo mondo di creativi, che noi intendiamo con un’accezione ancora più ampia. Lo facciamo cercando di superare le visioni corporative, come ben chiarito nel nostro manifesto. E da oltre 8 anni elaboriamo proposte su  fisco, previdenza, malattia, maternità … Confrontiamoci

    1 Nov 2012
  4. Giuseppina Manca di Mores

    E gli archeologi? Ancora e sempre sotto la voce “altro”? Che cosa dobbiamo ancora fare per testimoniare la nostra situzione e la nostra esistenza? Per favore, modificate l’elenco delle professionalità per compilare il questionario e aggiungeteci la parola “archeologo”!Grazie.
    Giuseppina Manca di Mores
    Presidente ANA (Associazione Nazionale Archeologi) Sardegna

    7 Nov 2012
  5. ACTA

    chiediamo scusa agli archeologi! abbiamo modificato l’elenco.

    7 Nov 2012

Lascia un commento

Contiamoci per contare di più. Aderisci all'indagine ACTA sulla …

di ACTA tempo di lettura: 1 min
9