Acta l'associazione dei freelance

Ehi! …ci sei stato?

| 27 maggio 2012 | LETTO: 1.839 VOLTE | 4 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |


ACTA ha rimesso in scena “Lo Stato del Quinto Stato”, nell’ambito di “Work in Progress”, 7a rassegna dedicata al lavoro del Teatro Ringhiera di Milano.

Dopo molte prove e una lunga attesa, ecco che entrano in scena. Muti, con i loro cartelli gialli: tanti punti di domanda e qualche tentativo di darsi delle risposte. Sono i nostri Actori, che quasi alla mezzanotte entrano in scena nel grande piazzale esterno del Teatro Ringhiera. Nonostante l’ora e i molti spettacoli che li hanno preceduti il pubblico li sta aspettando. E li segue all’interno del teatro, si siede sul palco attorno a loro e nelle prime file della platea.

Quaranta minuti serrati di performance. Dialoghi reali ed esperienze condivise. Telefonate frenetiche. Multitasking esistenziale. Flessibilità a senso unico. Case trasformate in uffici e viceversa. E la presentazione del nostro Manifesto. Alla fine molti applausi e tanto calore intorno ai nostri temi, con Anna Soru a ricordare la nostra indignazione per questo DDL sul lavoro.

Grazie a tutti quelli che c’erano. Grazie a Giacomo Mason, autore di una parte dei testi dello spettacolo, che era fra il pubblico e sale sul palco. Grazie a Susanna Botta che ha portato un po’ di ponentino romano in una sala torrida. Grazie a Placido Losacco e al team di LivingMedia per la ripresa video trasmessa in diretta. Grazie a Samanta Boni per l’organizzazione. Grazie a Noemi e Davide dello Studio Hamsters per colonna audio e video. Grazie allo staff del Teatro Ringhiera.

Grazie, grazie, grazie alla regista Marcela Serli da parte di tutti gli Actori: Alessandra, Antonella, Brenda, Elsa, Enza, Paola, Samanta, Sara, Enrico, Carlo, Rodolfo, Ugo.

E per chi non c’era, ecco la diretta di LinvingMedia

http://www.livestream.com/actalive/video?clipId=pla_4a44090f-8e3e-4842-b5b6-8a171c42cf64

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

4 COMMENTI »