Acta l'associazione dei freelance

Un quadro infedele sul mondo del lavoro

| 3 maggio 2011 | LETTO: 2.394 VOLTE | 2 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Discussione piuttosto paludata quella di ieri a L'Infedele di Gad Lerner. Ospiti Susanna Camusso (segretario generale CGIL), Michele Tiraboschi (consulente del ministro Sacconi), Aldo Bonomi (sociologo), Massimo Mucchetti (Corriere della Sera) e il nostro Sergio Bologna, oltre a rappresentanti di badanti, cooperative, stagisti.

Buona parte della trasmissione si trascina sul tema del lavoro degli operai e della FIAT e il tema di partenza, il 1 maggio si perde subito. Un bravo Aldo Bonomi cerca di riportare al centro la questione della rappresentanza ("i sindacati non rappresentano tutti, nascono oggi nuove coalizioni dal mondo cooperativo a quello dei 'piccoli'...") e del lavoro dei "capitalisti molecolari", ma senza grande successo.

Sergio Bologna accenna ai lavoratori della conoscenza e in un secondo breve spazio ai loro problemi con le previsioni pensionistiche. Su Twitter qualcuno bolla i suoi discorsi come "teorie trendy sul popolo dell'happy hour", altri lamentano giustamente il fatto "che non si possa parlare di lavoro senza incentrare tutto su Fiat e sindacati". Alcuni stanno apertamente con Bologna, perché "c'è tutta una generazione che lavora per due spiccioli e quella generazione è la più giovane". 

Michele Tiraboschi parla, invece, del disallineamento tra lauree e domanda di lavoro, suscitando qualche mal di stomaco nei ragazzi in seconda fila. Susanna Camusso, in ultimo, presenta la proposta CGIL di patrimoniale che tasserebbe le grandi ricchezze (in mano al 13% degli italiani) con la finalità di abbassare le imposte del lavoro salariato a vantaggio esclusivo di dipendenti e pensionati, unico vero target del sindacato, se ancora non si fosse capito!

Tutto poi finisce su Leghismo, Tremontismo e spot finale al libro di Telese su sesso, ville e cavalieri (che c'entra col lavoro, vallo a capire). L'ultima parola concessa a Sergio Bologna è stata giusto l'occasione perché potesse ricordare come tra le fibrillazioni della politica, nazionale e locale, "le questioni del lavoro non se le fila nessuno, a partire da Governo e Parlamento, e un tema così importante per il Paese passa sempre drammaticamente in secondo piano".

L'inedito spazio TV offerto ad ACTA è stato comunque un successo per noi, sempre piuttosto distanti dal grande schermo (e non per volontà nostra). La discussione, tuttavia, non sembra essere mai entrata nel vivo sui nostri temi e sul mondo del lavoro come lo vediamo dal nostro punto di vista. Beh, ci proveremo ancora, fidatevi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

2 COMMENTI »