Acta l'associazione dei freelance

Radicali italiani: l'INPS deve restituire i contributi non trasformati in pensione

| 4 aprile 2011 | LETTO: 2.893 VOLTE | 4 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

I radicali italiani hanno lanciato un’iniziativa per chiedere all’Inps la restituzione dei "contributi silenti”, ovvero di quei contributi che non vanno a costituire il montante pensionistico perché non è stato raggiunto il numero di anni necessario ad una pensione o alla totalizzazione (riunificazione gratuita di contributi versati su gestioni diverse). Nel caso della gestione separata la totalizzazione è consentita solo se ci sono 3 anni di versamenti.
Il ragionamento dei radicali è molto semplice e condivisibile: se verso dei soldi per avere una pensione, ma in realtà non avrò diritto a percepirla, è giusto che questi soldi mi vengano restituiti.
A tale scopo hanno presentato una proposta di legge (firmatari Maurizio Turco, Rita Bernardini, Marco Beltrandi, Maria Antonietta Farina Coscioni, Matteo Mecacci ed Elisabetta Zamparutti) ed hanno lanciato una campagna, che culminerà il prossimo 20 maggio con la Prima Giornata Nazionale dei Silenti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

4 COMMENTI »