Acta l'associazione dei freelance

Lo stesso lavoro per 35 anni? Impossibile. Occorre pensare una flessibilità sostenibile

| 9 dicembre 2010 | LETTO: 1.936 VOLTE | 3 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Molti di noi hanno problemi a pagare l'anticipo (basato sul reddito presunto, ma tanti hanno avuto un netto calo rispetto al 2009). In pratica, succede che se uno deve pagare, poniamo, un anticipo di 4.000 euro, avendo guadagnato meno, potrebbe in realtà pagarne 2.000.

Se comunque non paga, il costo per il ritardato pagamento è intorno al 30% (così mi dice il commercialista), quindi ben superiore a un normale interesse sul capitale. Si tratta di una sanzione. In altre parole il lavoratore è multato per aver guadagnato meno, invece di accedere a degli ammortizzatori (ma già pagare i soli interessi sarebbe una cosa più decente). Nei prossimi mesi vedremo cosa succederà con gli studi di settore.

Uno dei temi su cui stiamo discutendo è quello di una "flessibilità sostenibile": la pensione a 66 anni sarà una vera rivoluzione e la questione sociale del futuro. Si tratterà di rendere produttivi e appetibili dei lavoratori fino a 50-60 anni. Attualmente intorno ai 55 il lavoratore comincia a fare il conto di quanto gli manca, diventa inutile farlo partecipare all'aggiornamento e alla formazione, gli scatti di carriera sono pensati in funzione di comodi ruoli di parcheggio in attesa della fuoriuscita.

Insomma siamo in un mercato dove si parla di over40 e over50. E si torna a parlare di posto fisso come possibilità migliore o unica, ma come si fa a pensare che una persona possa fare lo stesso lavoro a 25, 45, 65 anni?

Secondo me bisognerebbe ragionare in termini di mercato e di mobilità. Un muratore fa il mestiere dai 20 ai 40 anni, poi, se vuole, viene aiutato a studiare e dopo i 40 fa l'agente di commercio di prodotti per l'edilizia. Un lavoratore autonomo a 20 anni, professionista fino ai 40-45, può anche sviluppare una attività di impresa: questo vorrebbe dire anche sviluppare la capacità di passare il "mestiere" ai colleghi più giovani e dedicarsi a 60 anni a curare le relazioni, le strategie.

In altre parole la sfida del futuro sarà, secondo me, pensare alla possibilità di percorsi misti dipendente-autonomo-imprenditore, dove i passaggi non sono obbligati, ma sostenuti a seconda delle opportunità che si aprono. Continuità fra lavoro dipendente e impresa. Attenzione: i sindacati dicono che vogliono rappresentare gli autonomi, ma se un autonomo "assume" un collega (nel mio linguaggio: passo del lavoro a un collega) diventa "controparte"...

La vecchia opposizione tra lavoro e capitale si vede dall'attuale assetto del sistema fiscale: fino a 30.000 euro sei avvantaggiato (regime de minimis), così come per i primi anni di attività. Se invece dò lavoro a un collega, devo pagare l'IRAP (4,25%), oltre i 30.000 euro, per guadagnare il doppio del reddito netto, devo arrivare a 80.000 euro. Posso lavorare nei progetti finanziati della PA come singolo professionista, ma non con un mio marchio.

Non ci sono misure che favoriscano la crescita. Ma così l'effetto è quello di "favorire" la creazione di una massa di lavoratori che non evolvono in impresa o in rete, con redditi bassi (perché per passare dai 30.000 agli 80.000 devo avere la capacità di investire tempo e denaro), e che hanno ancora davanti 15-16 anni di lavoro.

Si capisce che per percorsi di questo tipo bisogna ripensare i meccanismi di indirizzo e di governo dei servizi per il lavoro e della formazione. Ma su questo faccio una domanda: come si fa a pensare a una politica che valorizzi la flessibilità (meriti, competenze) e sostenga la mobilità, se dall'altra parte i sindacati, all'interno del lavoro dipendente, si oppongono a qualsiasi politica che vada a valutare e premiare la produttività, le competenze e i meriti?

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

3 COMMENTI »