Acta l'associazione dei freelance

Questo è il nostro Manifesto!

| 22 ottobre 2010 | LETTO: 9.111 VOLTE | 27 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Freelance, consulenti, lavoratori professionali: questo è il nostro Manifesto!

Il Manifesto del lavoro autonomo di seconda generazioneLo abbiamo scritto noi, parlando in prima persona dei nostri diritti, spiegando a chi fa finta di non capire chi siamo davvero, raccontando la nostra vita, le condizioni del nostro lavoro e quale relazione abbiamo con il sistema economico e di Welfare italiani e, soprattutto, come vogliamo migliorare tutto questo.

Siamo lavoratori professionali autonomi, flessibili e indipendenti, che stanno a fianco delle imprese e della Pubblica Amministrazione quando serve, garantendo ogni giorno un contributo all'innovazione, alla creatività e alla diffusione della conoscenza. Spesso ci manca la voce, ma ora l'abbiamo trovata e dovete ascoltarla. E' la voce dei singoli, e quella di tutti i lavoratori autonomi insieme.

Questo è il nostro Manifesto!

Per lungo tempo (e ancora oggi, per qualcuno) siamo stati erroneamente considerati evasori o semplicemente precari, lavoratori residuali, frutto acerbo di una trasformazione dei sistemi produttivi. Oggi i fatti dimostrano che senza di noi il Paese non cresce, che le imprese restano al palo, ancorate al passato, che lo sviluppo non trova spunti di qualità e neppure elementi di equilibrio, che la politica tace, che la creatività soffoca. 

La moda, il design, la ricerca, la formazione, la comunicazione, il Web, il management e innumerevoli altri ambiti sono oggi affidati a noi nello sviluppo di progetti, perché abbiamo la libertà e la capacità di inventare, scoprire, arricchire con idee il mondo e il nostro Paese.

Abbiamo un'identità precisa, forte, che ci consente oggi di parlare apertamente per denunciare le sperequazioni e i ritardi, le furberie della politica e l'inadeguatezza di una legislazione incapace di tenere il passo con i cambiamenti del mercato del lavoro e di reclamare l'evoluzione dei diritti di cittadinanza.

Abbiamo deciso di raccontare chi siamo. Abbiamo deciso di unirci in una coalizione che vuole rappresentare i lavoratori professionali autonomi. Abbiamo deciso di non aspettare più, ma di mettere nero su bianco la nostra proposta per cambiare tutto questo e vedere riconosciuto il valore del lavoro cognitivo e creativo, indipendente e professionale. Ma anche per riformare Fisco e Previdenza, per cercare equità e nuovi diritti che ci sono oggi negati perché qualcuno immagina ancora che siamo  lavoratori soli. Beh, siete informati. Non lo siamo più, e se sei un lavoratore professionale autonomo unisciti a noi.

Questo è il nostro, il tuo Manifesto!

 

Manifesto dei lavoratori autonomi di seconda generazione

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

27 COMMENTI »