Argomenti

Articoli recenti

Sostieni ACTA

Fai valere i tuoi diritti di freelance! Sostieni Acta e assicurati un futuro lavorativo migliore grazie a vantaggi, convenzioni e maggiori tutele.

Lavoratori autonomi più tassati dei dipendenti

Eutekne.infoIn base a uno studio realizzato da Eutekne.info, e riportato nell’articolo online “I redditi dei lavoratori autonomi sono i più tassati“, i lavoratori autonomi sono i più tassati dalle imposte dirette. È una conclusione a cui eravamo arrivati anche noi, qualche anno fa, con il documento “L’oppressione fiscale dei lavoratori autonomi” (.PDF in download – Cfr. anche qui) e che conntrasta con quanto normalmentre osservato dai media. Lo studio evidenzia che le disparità dipendono anche dall’applicazione dell’IRAP su tutti i titolari di Partita IVA (compreso chi svolge l’attività con l’utilizzo esclusivo o prevalente del proprio lavoro) e risultano ancora più marcate in corrispondenza di livelli reddituali bassi e medio-bassi. E a proposito di IRAP segnaliamo che Il Corriere della Sera del 25 maggio 2010, riporta sul dorso della Lombardia, nelle pagine dedicate a Milano, l’articolo di Rita Querzé “Irap, no da ricercatori e consulenti” (.PDF in download) contentente le richieste di ACTA e alcune testimonianze di suoi soci. Leggi l’articolo di Rita Querzè:

IRAP - Articolo del Corriere della Sera

ACTA

ARTICOLI CORRELATI

1 Commenti

  1. Mario Panzeri

    A proposito dell’articolo del Corriere della Sera segnalato, il suggerimento avanzato da Giampiero Guarnerio, delegato alla fiscalità dell’Ordine dei commercialisti di Milano, di risolvere il problema della debenza o meno dell’IRAP da parte dei “lavoratori-casa linghi”, se davvero formulato come riportato non mi sembra così di buon senso come sostenuto dall’autrice dell’articolo stesso. Non si capisce infatti perché mai quella stessa Agenzia delle entrate che, ignorando le sentenze della Cassazione e della Corte Costituzionale, continua ad emettere avvisi di accertamento nei confronti dei suindicati lavoratori autonomi che non pagano l’imposta in parola dovrebbe essere più “ragionevole” nel momento in cui venisse preventivamente interpellata dai diversi “professionisti della conoscenza” sulla sussistenza o meno di detto obbligo a loro carico.
    Saluti.

    29 Mag 2010

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi