Acta l'associazione dei freelance

Nessun vantaggio dalla riduzione dell'anticipo Irpef per noi

| 14 novembre 2009 | LETTO: 1.846 VOLTE | 4 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |
   Reale  Secondo il Fisco
 Compensi (al netto di IVA)  € 60.000,00  € 60.000,00
 Ammortamento automobile 5 anni (valore max 18000)  € 3.600,00  € 1.440,00
 Benzina automobile (30mila KM *0,1€ a Km)  € 3.000,00  € 1.200,00
 Assicurazione automobile  € 700,00  € 280,00
 Telefono portatile  € 800,00  € 400,00
 Telefono fisso e ADSL  € 800,00  € 400,00
 PC, stampanti e cancelleria  € 500,00  € 400,00
 Alberghi (25 notti*75€)  € 1.875,00  € 1.200,00
 Pasti (200*5 €)  € 1.000,00  € 200,00
 Totale costi per svolgere la tua attività professionale  € 12.275,00  € 5.520,00
 Reddito  € 47.725,00  € 54.480,00
 INPS contributi previdenziali (25,72% nel 2008, 26,72% nel 2009)    € 14.012,26
 Imponibile fiscale (la base su cui si calcolano le imposte)    € 40.467,74
 * IRPEF (+ addizionale regionale 1%)    € 11.822,42
 IRAP (3,9%, per chi ancora la vuole pagare)    € 1.578,24
 Ritenuta d'acconto già versata durante l'anno (20%)  € 12.000,00  
 Credito Irpef (strutturale)  € 177,58  
 Totale versati allo stato    € 27.412,92
 Reddito netto in tasca (al netto anche dei costi reali)  € 20.312,08  
 Stipendio come se fossi un dipendente (14 mensilità + TFR)  € 1.354,14  
 * la formula è costruita per lo scaglione di imponibile tra i 28.000 ed i 55.000 euro

 

Chi, sempre considerando gli iscritti alla gestione separata, ha un reddito più alto e una più bassa incidenza dei costi può invece dover pagare anticipi irpef, ma non si tratta, a meno di redditi molto alti, di importi rilevanti.

Il vero problema di cassa ce lo pone l’inps, in quanto dobbiamo anticipare ogni anno l'80% dell'inps versata l'anno precedente (e non è poco specie se abbiamo guadagnato meno dell'anno prima), ma si sono ben guardati dal toccarlo.

Peraltro lo schema mette in evidenza che se i costi reali sono proporzionati a quelli riportati, il reddito reale netto è pari a poco più di un terzo di quanto fatturato. Il resto va allo Stato e in futuro (si spera) anche a noi, sotto forma di pensione.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

4 COMMENTI »