Acta l'associazione dei freelance

La sconfitta della Sinistra in Europa? Non ha capito il mondo del lavoro autonomo

| 29 settembre 2009 | LETTO: 1.601 VOLTE | UN COMMENTO | Autore: | SHORT URL |

Un'interessante intervista a Giuliano Amato, condotta da Aldo Cazzullo, trova spazio oggi, 29 settembre 2009, sul Corriere della Sera. La sconfitta delle Sinistre in Europa per l'ex Presidente del Consiglio non è del tutto estranea alla capacità della politica di raccogliere e interpretare le istanze del lavoro professionale autonomo. Si legge nell'articolo Amato: «Il socialismo si rinnovi Il mondo del lavoro ora è diverso»:

Giuliano Amato individua  le cause della caduta delle sinistre in Europa: "Perchè non abbiamo avuto la capacità di interpretare il cambiamento [...] i partiti socialisti non possono che rappresentare il mondo del lavoro, a meno di cambiare nome e natura. Ma se nel XX secolo potevano restare ancorati alla 'costituency' di partenza del lavoro dipendente, oggi non è più così. Oggi, se non tieni conto del lavoro autonomo, semiautonomo, pofessionistico e naturalmente del lavoro precario, la maggioranza non la fai [...]. E pesa la trasformazione del mondo del lavoro che ha creato una specie di terreno supplementare di contesa politica, al di là del terreno classico che nel XX secolo era delimitato dal perimetro comune a sindacato e partito socialdemocratico. Sul terreno supplementare non arriva il sindacato, che  tutela solo i lavoratori rappresentati dalla contrattazione collettiva. L'editoriale di Dario Di Vico sugli autonomi ha come rimescolato una pentola in ebollizione. Mi hanno colpito le molte lettere arrivate al Corriere, espressione di un mondo che sta fuori dall'agone elettorale e non si è riconosciuto nei partiti socialdemocratici."

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

UN COMMENTO »