Acta l'associazione dei freelance

I social network aiutano a trovare lavoro?

| 4 marzo 2009 | LETTO: 1.963 VOLTE | 5 COMMENTI | Autore: | SHORT URL |

Alla richiesta, fatta circolare sulla nostra rete, di una giornalista che cercava qualcuno che avesse esperienza dell’uso dei social networks di Internet a scopo professionale, hanno risposto ben 35 soci nel giro mezza giornata e altrettanti nei due giorni successivi! Sembra un segnale interessante del fatto che molti di noi si stanno dando da fare per promuovere la propria immagine professionale via Web e incrementare contatti e commesse attraverso “social networks professionali”.

Il network più noto è LinkedIn (30 milioni di utenti solo in Usa) ma da tempo ne stanno sorgendo nuovi, anche in Italia (e in italiano) come Viadeo. Prolificano blog su temi di business e nascono Web community interessanti, come quella dei laureati del Politecnico o quella di Manageritalia che veicola relazioni e informazioni per dirigenti, quadri e professionisti del terziario.

E’ tutto abbastanza semplice: ci si iscrive, si mettono a disposizione le proprie relazioni professionali (ritenute affidabili), si entra in contatto con le persone che sono in relazione con loro così via...

Ma davvero si trovano commesse e supporto professionale? Ci piacerebbe saperne di più, visto che molti di noi si stanno chiedendo se crederci o no. Se, alla fine, il business social networking porterà valore anche alla attività professionali. Sono preferibili le reti generaliste o quelle specifiche relative alla propria professione? Il social networking aiuta più a crearsi una reputazione o a raccogliere informazioni tecniche (o commerciali) utili al proprio business? Raccontateci la vostra esperienza.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email

5 COMMENTI »